Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy

Il difficile inizio della ricostruzione

La Questione del sito

Dopo la ritirata delle truppe d'occupazione (primavera 1944) e il difficile e progressivo rientro dallo sfollamento forzato, il problema più importante ed urgente da affrontare e da risolvere fu quello della ricostruzione del paese.

Nonostante la sua drammaticità, la questione sull'opportunità di abbandonare il vecchio sito, troppo arroccato sulla rupe, di difficile accesso, scomodo e impossibile per una ricostruzione razionale e più moderna delle case e dei servizi, e di riedificare il paese "ex novo" a Fonticelle, località distante circa 2 Km dal centro distrutto, lungo la strada che porta a Torricella Peligna e a Palena, sollevò un acceso dibattito nella comunità locale.

Leggi tutto...

La ricostruzione /1

Il contesto

Nel maggio del '44, anche la retroguardia dell'esercito nazista abbandonò il nostro territorio, lasciando dietro di sé distruzione e prostrazione. L'operazione "terra bruciata" voluta da Kesserling aveva raggiunto gli obiettivi prestabiliti. Il nostro paese era un cumulo di macerie, contava 56 vittime civili per fucilazione o per scoppio di mine e l'interruzione di tutti i servizi essenziali (acqua, luce, sanità, scuola, posta, viabilità, amministrazione comunale,...) creava, in quanti rientravano dallo sfollamento, una profonda prostrazione.

Leggi tutto...

La ricostruzione

I tedeschi, ritirandosi, avevano lasciato dietro di sé solo distruzione.
E' immaginabile lo sconforto dei Monteneresi alla vista delle loro abitazioni ridotte a un cumulo di macerie.
Davanti ai loro occhi increduli si presentò uno scenario apocalittico: dove qualche mese prima sorgevano le loro case ora non v'era altro che cumuli di pietre, mattoni, travi e tegole frammisti a cocci di stoviglie, mobili, suppellettili in un groviglio inimmaginabile. Ma con la fortezza d'animo che li contraddistingue e con l'aiuto economico delle organizzazioni umanitarie internazionali (F.A.U./I.V.S.P. - A.F.S.C.) e manuale dei loro volontari (nell'estate del 1947 i Quaccheri dell'A.F.S.C. costruirono un asilo infantile nel Rione del Colle) in poco tempo riedificarono l'abitato, che, anzi, fu ampliato con la costruzione delle "case per senzatetto" nel Rione Fonticelle, presso l'antico Juvanum, e alla periferia del paese, in località Pianoianiero e Fonte della Selva.

Leggi tutto...

La riattivazione Post bellica dei servizi essenziali

Con il rientro progressivo delle famiglie dallo sfollamento e l'inizio della ricostruzione fu necessario riattivare i servizi essenziali, parzialmente o del tutto interrotti con la distruzione del paese. Fu indispensabile, tuttavia, procedere prima allo sminamento delle strade di accesso al paese e poi trovare una sede per il Municipio, per l'Ambulatorio, la Scuola, la Posta, e provvedere al ripristino dell'acquedotto, delle fognature, della linea elettrica, del lavatoio pubblico ed alla ripulitura delle strade campestri.

Leggi tutto...